All’Italia il record europeo del caro-energia

L’ultimo chiuda la porta, e soprattutto spenga la luce. Un detto valido per l’Italia, dove i costi per l’energia elettrica sono da urlo: ci sono le quarte bollette più salate per le famiglie, ma soprattutto le più care di tutte per le imprese. A mettere a nudo le questioni nazionali è l’Eurostat, nella nuova edizione dei dati sull’energia in Europa, che permette di stabilire chi consuma cosa e in che modo. La maniera di gestire i listini energetici in Italia, non sembra essere la migliore.  


L’Italia non è un Paese a misura di imprese
 

Quanto costa l’energia che si consuma? E’ una delle domande che si pone l’Istituto europeo di statistica. La risposta è presto data: in Europa chi fa business spende dagli 0,08 euro a kilowattora in Svezia agli 0,15 euro a kilowattora in Italia. Già, l’Italia è il primo Paese per costi elettrici per le imprese. E si tratta di tariffe che non comprendono Iva e altre tasse. Vuol dire che il conto finale può essere anche più salato. Un problema, per un Paese che stenta a riprendere e a cui l’Ue ha chiesto più volte di favorire la competitività. I maggiori costi della luce e della corrente elettrica incidono sui costi. Un problema che andrebbe risolto.  


Caro-luce anche per le famiglie
 

Va un po’ meglio per le famiglie, nella misura in cui almeno per loro l’Italia non è al primo posto per costo della bolletta elettrica. Si applica (sempre senza tasse) una tariffa di 0,23 euro per kilowattora consumato. E’ il quarto caro-prezzi dopo quello di Danimarca (0,31 centesimi), Germania (0,29 euro) e Belgio (0,25 euro). Le famiglie italiane non hanno dunque le bollette più care, ma comunque neppure le più economiche.  


Incide il mix
 

Sull’Italia incide probabilmente il mix energetico: oltre la metà dell’energia prodotta per soddisfare le necessità nazionali deriva da petrolio e prodotti petroliferi (36,6%) e gas naturale (35,4%). Il Paese è fortemente dipendente dai fornitori stranieri, e dunque è comprensibile attendersi in bolletta anche parte dei costi di importazione. A quanto pare non basta una produzione da fonti rinnovabile superiore alla media Ue (16,8% contro il 12,9% dell’Ue). Sembra inoltre giocare un ruolo l’assenza di nucleare, a cui l’Italia ha detto «no». In quei Paesi dove c’è produzione di energia da atomo il costo della bolletta elettrica per imprese e famiglie è minore di quello italiano. 

Qui le altre notizie di Economia  


Fonte: La Stampa

 
 

Archivio

Come produrre elettricità ...

Il primo autore Aimee Stapleton. Foto: SEAN CURTIN, TRUE MEDIA Ottenere elettricità da...

leggi tutto

Abbiamo provato i nuovi Zen...

Appena presentati, i cinque nuovi gadget si preparano a confrontarsi coi loro avversa...

leggi tutto

Queste piante producono cot...

Per realizzare vestiti intelligenti, ci vuole un materiale intelligente, e questi veg...

leggi tutto

Il terremoto in Messico pot...

(Foto:LaPresse/Xinhua) Il terremoto di magnitudo 7,1 che il 19 settembre ha devastato la...

leggi tutto

Escrementi umani, c’è ch...

L’economia circolare non cessa di stupire. Il riuso e la valorizzazione delle risorse...

leggi tutto

Lotus Birth, i rischi di la...

(foto: Getty Images) Nei giorni scorsi un caso di cronaca ha riacceso i riflettori sulla...

leggi tutto

Missione Osiris Rex, ecco c...

Per mettersi in pista, il veicolo sta sfruttando anche la gravità del nostro Pianeta...

leggi tutto

Scoperta l’origine dei ra...

(Foto: Pierre Auger Observatory) I raggi cosmici ad altissima energia che si fanno strad...

leggi tutto

Next Energy, cercasi startu...

(Foto: Next Energy) I talenti italiani dell’energia sono pronti a sfidarsi di nuov...

leggi tutto

Agli italiani piace smart, ...

Tom Cruise ce lo aveva fatto capire già 15 anni fa, quando in Minority Report entrava ...

leggi tutto
 LIVE CHAT