Nucleare in Italia, lo smantellamento delle centrali crea davvero lavoro?

(Foto: Sean Gallup/Getty Images)

Qualche anno fa Nomisma energia ha calcolato gli effetti del decommissioning sull’economia italiana. Era tornata di attualità la discussione sullo smantellamento delle centrali nucleari in Italia. E quello studio, realizzato dalla società di consulenza energetica per Sogin, la spa pubblica che si occupa di smantellare le centrali nucleari, prevedeva che per ogni milione di euro investito si sarebbero generati sette posti di lavoro nell’indotto. “Il picco era previsto per il 2016-2017”, ricorda Raffaella Di Sipio, vicepresidente dell’Associazione italiana nucleare (Ain). Ma la previsione non si è avverata, perché il piano di smantellamento delle quattro centrali nucleari italiane, a cui i cittadini ha detto no trent’anni fa, procede a rilento. Il decommissioning promette lavoro e indotto, che però, fino a quando non sarà deciso il collocamento del deposito nazionale che raccoglierà tutte le scorie radioattive del Belpaese, si è manifestato solo in piccolissima parte.

Per Di Sipio, però, bisogna allargare lo sguardo oltre i confini nazionali per capire quali opportunità economiche possa generare il decommissioning. “Entro il 2050 ben 401 reattori in tutto il mondo saranno avviati allo smantellamento”. Il mercato, quindi, “è globale”. “Per quanto riguarda l’Europa occidentale, i decenni interessati sono quelli che vanno dal 2020 al 2039 e l’intervento riguarda oltre 70 impianti per circa 70 gigawatt”, spiega la numero due di Ain. Poi c’è il fronte orientale, che si muoverà negli stessi anni.

Tra Russia, e Paesi dell’ex cintura sovietica, il decommissioning nucleare riguarderà 27 impianti per circa 24 gigawatt. Negli Stati Uniti, invece, si prevede che l’attività scatterà dal 2030 al 2049 e comprenderà 96 centrali, che immettono nella rete 98 gigawatt. “È un mercato mondiale enorme – osserva la Di Sipio, manager dell’energia con un passato in Endesa, Eon Italia e nell’immobiliare Prelios – i cui i ritorni in termini di indotto sono fondamentali per l’economia”.

Il deposito come opportunità per giovani laureati
“Non ci sono solo le attività di cantiere, ma i game changers di questo settore sono robotica e formazione. L’industria nucleare, infatti, non deve essere considerata solo collegata al decommissioning, ma anche alla ricerca”, precisa Di Sipio. Lo stesso deposito nazionale – a detta del progetto – non sarà solamente un cimitero di cemento, con grandi camere isolate e sigillate dove saranno stipati i 75mila metri cubi di rifiuti radioattivi che il nostro Paese si stima produca entro il 2065. A fianco sorgerà anche un polo tecnologico e di ricerca. “Il deposito è una grande infrastruttura civile e ambientale e il polo tecnologico un grande esercizio scientifico, che può farci fare passi avanti nel nucleare. Dobbiamo avere capacità tecnico-scientifica”, incalza il presidente di Ain, Umberto Minopoli. Un centro per cui “le nuove leve sono fondamentali”. Tanto che “alla Decommissioning conference survey del 2015 è stato presentato un sondaggio sugli elementi più importanti per affrontare lo smantellamento nucleare e la prima risposta è stata la necessità di personale qualificato e formato. Questa è un’opportunità per i giovani laureati italiani”, insiste Di Sipio.

In quest’ottica l’Ain ha deciso di promuovere anche in Italia una rete dei giovani che operano nella filiera del nucleare: ricercatori, operatori delle aziende dell’energia e dello smantellamento, specialisti. L’Ain Young Generation è stata presentata il primo dicembre a Pisa. L’obiettivo dell’associazione è riuscire a creare una base di giovani professionisti per affrontare le prossime sfide del nucleare, proprio a partire dal decommissiong.

La demonizzazione delle radiazioni
“Vogliamo riaprire un dialogo sano e costruttivo sul nucleare”. Questo è il primo messaggio dei giovani che si sono riuniti a Pisa e hanno sposato la causa del nucleare. A dirlo Eleonora Lambridis, rappresentante italiana della Young Generation che vede proprio in questo dialogo uno degli obiettivi principali del primo incontro pisano dei giovani (intesi come under 40) dell’Associazione italiana nucleare. “Abbiamo un programma ambizioso – continua Lambridis – parlare non solo ai tecnici ma soprattutto agli italiani per fare capire a tutti che il nucleare non è quello che loro credono”. I partecipanti del convegno dell’Ain, infatti, non citano gli ambientalisti ma non possono che avere una posizione che – a differenza di chi batte bandiera verde – non può che vedere nell’atomo “un’energia più green di quello che si pensa”, continua la rappresentante della Young Generation italiana.

Anche rispetto alle scorie, secondo Lambridis, il quantitativo che ne produce una centrale non è paragonabile alle tonnellate di gas serra emessi ogni secondo da centrali a carbone. Altra grande paura dell’opinione pubblica è la radioattività, “eppure ogni giorno siamo esposti a radiazioni, sugli aerei o negli ospedali, e perfino a tavola visto che alcuni trattamenti con livelli di radiazione aiutano a mantenere i cibi che arrivano nelle nostre case”. Quindi, il percorso comunicativo della Young Generation vuole spiegare agli italiani come sia bene “non demonizzare le radiazione e neppure il nucleare”, chiedendo un atto di fiducia “verso coloro che lavorano in questo settore”.

No alle centrali, sì all’importazione di energia all’atomo
In effetti, l’Italia ha detto no al nucleare trent’anni fa. Eppure il pollice verso al referendum abrogativo ha chiuso la strada alla produzione italiana di energia atomica ma non all’utilizzo dell’energia dell’atomo. “Il 10% dell’energia italiana deriva da impianti nucleari – precisa Foratom, la voce del settore nucleare europeo – e si tratta di energia importata”. Il governo italiano, infatti, nonostante il referendum post Chernobyl, ha sempre adottato una politica di importazione del nucleare, tanto che era stato addirittura messo a bilancio che il 25% dell’energia nazionale italiana fosse garantita dal nucleare prima che il progetto fosse bocciato da un referendum del 2011.

Quel che non si fa in Italia, si fa all’estero
Con lo stop del nucleare nel 1987, e la bocciatura del 2011, l’Italia del settore ha cambiato pelle. L’Associazione italiana nucleare, per esempio, funge da associazione industriale del settore benché rappresenti anche attori scientifici come Enea o le università, come quelle di Genova, Pisa, la Sapienza di Roma e il Politecnico di Milano. “L’università italiana in materia di nucleare è riconosciuta all’estero come centro di eccellenza – continua Eleonora Lambridis, che vive Oltralpe e lavora per una società privata attiva nel nucleare a livello internazionale. E aggiunge: “Spesso mi viene chiesto perché in Italia non abbiamo centrali, pur avendo un programma universitario così valido che infatti ci permette di trovare agilmente sbocchi in Francia o negli Stati Uniti, per esempio”.

Quello che non si fa in Italia si fa all’estero. “Pensiamo alla fusione nucleare”, osserva Minopoli: “Alcune delle nostre aziende sono impegnate nella costruzione del grande impianto a Cadarache”. Siamo nel sud della Francia, a due ore e mezza da Ventimiglia. La struttura in costruzione è figlia del progetto internazionale Iter. Vi lavorano Unione Europea, Cina, Giappone, Stati Uniti, India e Corea del Sud. Il progetto ha l’obiettivo di realizzare un reattore a fusione, in grado di produrre più energia di quanto ne serva per l’innesco e per il sostentamento della struttura. L’obiettivo era di accenderlo nel 2019, ma il programma è stato rivisto al rialzo per costi e in lungo per i tempi e il reattore partirà, se tutto va come da programma, nel 2025. Nella sua lavorazione sono coinvolte circa 500 aziende italiane, con colossi come Ansaldo nucleare, Asg per i superconduttori e la stessa Enea.

“L’Italia, infatti, ha funzioni di leadership nella ricerca dei reattori di quarta generazione”, incalza Minopoli. Nonostante questo, “è l’unico paese del G8 privo di centrali nucleare” precisa il braccio operativo dell’industria nucleare europea Foratom. Quando sono stati chiamati a dire la loro sull’energia dell’atomo gli italiani non hanno avuto dubbi, ma, chiosa Lambridis, “siamo ottimisti se pensiamo al futuro del nucleare in Italia. Tutto potrebbe cambiare se riuscissimo ad aprire una discussione non deviata sull’atomo”.


Fonte: WIRED.it

 
 

Archivio

Mazinga Z: Infinity, padri,...

Nel futuro del mondo creato da Go Nagai (l’universo condiviso in cui coesistono Goldr...

leggi tutto

Estrarre bitcoin consuma pi...

(Foto: ROSLAN RAHMAN/AFP/Getty Images) I bitcoin hanno un serio problema con l’ene...

leggi tutto

Bollette di luce e gas più...

(Foto: Getty Images) La cattiva sorpresa molti italiani l’avranno già scartata, a...

leggi tutto

Illuminare l’Africa: Enel...

Foto: Enel Green power “Attraverso questa partnership, Enel ha l’opportunitÃ...

leggi tutto

Le auto a energia solare in...

Partita la World Solar Challenge, manifestazione dedicata allo sviluppo di veicoli a ...

leggi tutto

Ecco da dove arriva e come ...

Foto: Joe Dykes/flickr A voler usare una metafora, se le nazioni moderne avessero uno sc...

leggi tutto

Gli universi paralleli al n...

(Foto: Pixabay) Gli universi paralleli, il cosiddetto multiverso, fuori dal nostro spaz...

leggi tutto

Arriva una svolta nella fus...

(Foto: Mit) Un altro importante passo in avanti per la fusione nucleare. A compierlo son...

leggi tutto

Enel X, un nuovo corso per ...

Nel 2018, un nuovo brand Enel farà il suo ingresso sul mercato: con Enel X, la multina...

leggi tutto

Ecco come limitare l’aume...

Come si potrebbe fare per raggiungere l’obbiettivo dell’Accordo di Parigi d...

leggi tutto
 LIVE CHAT