Tesla crea in Australia la prima centrale elettrica “virtuale”

Elon Musk, patron di Tesla (foto: Getty)

Tesla costruirà in Australia la prima centrale elettricavirtuale” al mondo, distribuendola sui tetti di cinquantamila case. Il progetto ha l’obiettivo di fornire pannelli solari da 5 chilowatt e batterie Tesla Powerwall 2 ad almeno cinquantamila abitazioni, che forniranno le loro eccedenze di energia alla centrale di Tesla. Un impianto virtuale, quindi, e distribuito. Il progetto permetterebbe di agire su due dei principali problemi che pesano sul territorio australiano: i continui blackout e l’elevata quantità di energia elettrica prodotta utilizzando combustibili fossili. Oggi il 63% dell’elettricità australiana proviene dal carbone. Il governo ha però promosso un progetto il cui obiettivo è arrivare entro il 2020 a produrre il 33% dell’energia dalle fonti rinnovabili.

Per gli australiani la continuità delle forniture di energia elettrica è un problema, che affligge 1,7 milioni di persone. Lo scorso anno una tempesta ha lasciato l’Australia meridionale senza elettricità.

Ora lo stato si avvia verso una rivoluzione che è partita con un piano di investimenti da 500 milioni di dollari australiani (33 milioni di euro) e continua con la collaborazione con Tesla. Il vantaggio di una rete distribuita sarà proprio quello di ridurre i blackout e stabilizzare il prezzo dell’energia, usuale protagonista di vorticosi saliscendi improvvisi nel contesto australiano.

L’iniziativa riguarderà inizialmente 1.100 abitazioni e verrà estesa gradualmente. Ai cittadini non verrà chiesto alcun investimento, perché i costi delle batterie e dei pannelli saranno integralmente coperti dalla vendita di energia e anticipati da speciali fondi governativi.

Secondo le stime governative, aderire al progetto potrebbe permettere alle famiglie di risparmiare fino al 30% sulle bollette elettriche.

La collaborazione tra Elon Musk e il governo australiano era già iniziata lo scorso novembre, quando il fondatore di Tesla aveva installato una gigantesca batteria al litio da 100 megawatt nel sud del paese, a Jamestown, una cittadina a 30 chilometri da Adelaide, capitale dell’Austriale meridionale. La batteria ha fornito energia a 30mila famiglie nelle ore di punta, quando l’elettricità lavora a intermittenza.


Fonte: WIRED.it

 
 

Archivio

Batterie al sodio e al pota...

Fonte: WIRED.it

leggi tutto

L’energia rinnovabile dei...

Fonte: WIRED.it

leggi tutto

Energia sostenibile per tut...

Nel settembre 2015, le Nazioni Unite hanno adottato l’Agenda 2030 che comprende 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG in inglese) da ...

leggi tutto

Veranu chiude il primo roun...

Veranu ha sviluppato una soluzione innovativa a elevato valore aggiunto per la pavimentazione che converte, per effetto piezoelettrico, l’ene...

leggi tutto

Edison Pulse 2017, ecco i n...

Rendere più intelligenti, connesse, e soprattutto accessibili l’abitazione, la città e il pianeta: è questo il filo conduttore che unisce...

leggi tutto

Terremoto a Ischia, perché...

(Foto: Getty Images) Inizialmente, si era detto magnitudo 3.6. Stima che poi è salita...

leggi tutto

Edison cerca startup per le...

L’Energy Center del Politecnico di Torino (Foto: Politecnico di Torino) Cogliere l...

leggi tutto

Siamo stati a Genova nel ce...

Il centro di controllo energia di Abb a Genova (Foto: Luca Zorloni per Wired) Ho Chin Mi...

leggi tutto

Sorpasso in Portogallo: lâ€...

Impianti eolici e fotovoltaici in Portogallo Storico sorpasso dell’elettricità da...

leggi tutto

Ecco come estrarre acqua po...

Riuscire a produrre acqua potabile estraendola direttamente dall’aria. È questo ...

leggi tutto
 LIVE CHAT